Category Archives: STUDIO DISCOGRAFICO Napoli

  • 0

CAVI AUDIO

I CAVI AUDIO SNAKE 

Un cavo audio snake è costituito da molti cavi audio tutti contenuti all’interno di un singolo rivestimento. Negli studi professionali e in contesti live nei quali possono essere necessari centinaia di input. È piuttosto comune vedere degli sante occupare fino a 48 canali.

In ciascun capo di un cavo snake, troverete una di queste 3 connessioni:

  1. Fanout/Breakout lo snake è diviso in connettori singoli di tipo XLR/m, XLR/f, TRS or TS.
  2. Stage Box o Junction Box si tratta di un contenitore metallico dotato di ingressi multipli per connessioni individuali.
  3. Connetore Sub invece, combina ciascun canale in un singolo connettore.

  • 0

REGISTRAZIONE AUDIO

PROBLEMI NEL REGISTRARE LA VOCE

Durante la registrazione audio, quando si pronunciano le parole “P” e le “B”, viene emesso un forte getto d’aria con la Boca. Nella registrazione questi getti colpiscono il microfono, creando un effetto fastidioso sulle basse frequenze, chiamato POPPING. Per risolvere questo problema i fonici si affidano al filtro anti-pop. Quando si pronunciano le consonanti “S” e “F” la bocca emette un getto d’aria in alta frequenza. Generando così un effetto comunemente noto come sibilante. Per risolvere questo problema , bisogna cantare con un angolo leggermente fuori asse rispetto al diaframma del microfono. Ogni volta che una sorgente sonora si trova  a poca distanza dal diaframma del microfono, genera un’evidente “boost” sulle basse frequenze. Più la sorgente è vicina e più l’effetto forte sarà l’effetto. Se si ha poca esperienza si possono generare fastidiosi saliscendi del tono. Usate il filtro anti-pop  o microfoni omnidirezionali. Quando si canta si tiene spesso il tempo con il piede, le vibrazioni generate viaggiano attraverso l’asta del microfono. La soluzione comune è montagne un supporto antivibrazione.


  • 0

EDITORIA MUSICALE

EDITORIA MUSICALE

L’editoria musicale o stampa musicale è la gestione di musica protetta da copyright che viene usata commercialmente. Un editore è responsabile di fattori come la raccolta di royalties, , l’uso pubblico di musica composta e/0 prodotta dagli artisti che rappresenta e la ricerca di opportunità di licenza. È quella parte dell’editoria che si occupa della stampa di materiale musicale. Si occupa delle partiture, spartiti ed edizioni critiche. Le figure imprenditoriali di tale attività sono l’editore musicale e le case editrici musicali. Quest’ultime si occupano anche di promuovere le musiche composte dai propri autori e di riscuotere parte dei diritti d’autore maturati. L’editore musicale, invece, promuove , diffonde e valorizza le creazioni musicali dal punto di vista economico e artistico, a partire dalla pubblicazione degli spartiti. Rappresenta anche un intermediario tra l’artista e i produttori discografici. 


  • 0

AUTORE E COMPOSITORE

AUTORE E COMPOSITORE

Qual è la differenza tra autore e compositore?

In musica viene indicato con la parola “autore” chi crea la parte letteraria di un brano musicale o di un libretto d’opera ecc. (testo, parole). Viene comunemente anche detto paroliere. 

Un compositore è una persona che compone e che quindi crea e scrive musica. Attraverso la realizzazione di partiture o con altri mezzi che permettono di combinare una o più idee musicali, in. modo da ottenere un brano musicale.

La composizione, è generalmente scritta su uno spartito tramite la notazione musicale. L’opera del compositore è eseguita dagli interpreti (musicisti, cantanti), ma può essere eseguita anche dall’autore stesso.

 


  • 0

TRE INTERFACCE

LE TRE INTERFACCE

Le interfacce collegano, seguendo un formato standard che consenta lo scambio di dati, due o più dispositivi eterogenei in modo da permettere loro lo scambio di informazioni. Dal punto di vista fisico,  è caratterizzata da un canale di trasmissione identificato da un mezzo trasmissivo (es. cavo), due connettori e due porte poste agli estremi della trasmissione e, dal punto di vista logico, da una modalità di trasmissione che può essere di tipo seriale e parallelo. Il caso tipico è il collegamento tra apparecchiature elettroniche come ad esempio le componenti interne ed esterne del computer. Le più comuni sono:

USB

É lo standard per le interfacce più economiche, la possibilità dati è la più bassa dei tre. Ma è ideale per un home studio.

FIREWIRE

Soluzione adottata nella fascia medio-alta. Offre una velocità di trasferimento dei dati decisamente più alta dell’USB

THUNDERBOLT

Presente solo nelle più recenti interfacce di fascia alta, offre una velocità di trasferimento senza precedenti paragonabile solo a quella su scheda PCI dedicata.

 


  • 0

PANNELLI ACUSTICI

PANNELLI ACUSTICI

I pannelli acustici hanno l’obiettivo di correggere le medio-alte frequenze. Grazie alla loro forma a piramide permettono un maggior assorbimento che anche una riflessione più uniforme delle onde sonore. Essi sono realizzati con una speciale schiuma acustica. Sono efficaci nel controllare e ridurre le prime riflessioni, l’ecoflutter, l’eco slip, il riverbero eccessivo e il filtro a pettine . Questi pannelli sono adatti per stanze da gaming, sale da controllo, cabine vocali, home theatre and home studio. Cioè stanze che necessitano di asciugare il suono, dando comunque un tocco estetico all’ambiente. Essi possono essere fissati alle pareti (in modo fisso o removibile) e/o posti a soffitto in aderenza. Possono essere ribassati su cavi in modalità baffles verticali oppure in isole orizzontali. Potendo in alternativa essere disposti anche su piantane mobili e l’impiego di un numero adeguato può ridurre sostanzialmente il fenomeno della riverberazione.
Quelli a parete possono essere installati in continuità, creandone un’intera parete. Possono essere apposti in gruppi più o meno numerosi e persino singolarmente.
Il fissaggio  può avvenire tramite collanti, rendendoli fissi, oppure tramite l’uso di ganci e staffaggi, quando si desidera renderli movimentabili.


  • 0

SIAE

SIAE

La SIAE è la Società Italiana degli Autori ed Editori.

La sua funzione istituzionale è la tutela del diritto d’autore. Il suo scopo è garantire ai propri associati la remunerazione del lavoro attraverso il diritto di autore. Inoltre ha il compito di autorizzare le utilizzazioni delle opere, ricevere da chi le utilizza i compensi dovuti e distribuirli agli autori ed editori. Allo stesso tempo, assicura gli interessi generali che sono tutelati dalla nostra Costituzione. Come, ad esempio, la promozione della cultura, la libertà dell’arte, la protezione del lavoro intellettuale.

Ogni anno rilascia più di 1,2 milioni di licenze per l’utilizzo di opere da essa tutelate, facilitando il riconoscimento dei diritti da parte di tutti coloro che intendono utilizzare quelle opere e garantendo agli autori e agli editori il pagamento del giusto compenso per il loro lavoro.

SIAE gestisce il repertorio dei propri associati anche al di fuori dei confini nazionali


  • 0

CARTOLINA DIGITALE

CARTOLINA DIGITALE

La cartolina digitale è il mezzo per inviare un singolo a tutte le emittenti radiofoniche italiane. Un servizio esclusivo e certificato per garantire la radiodiffusione delle canzoni.

La promozione per un artista, soprattutto emergente, è molto importante. La radio è da sempre il mezzo fondamentale per poter diffondere la musica. I cantanti e le band infatti contano molto sulla diffusione radiofonica dei loro brani, tuttavia la rotazione della canzone in questione è ogni volta un’incognita. Le radio decidono autonomamente se passare o no il brano proposto dal cantante: ma come procedere con l’invio?

La cartolina digitale contiene la canzone digitalmente, e per la realizzazione bisogno affidarsi a programmi specifici, a pagamento. Con essa la musica è disponibile per i download alle emittenti in modo del tutto legale. Oltre al brano in formato MP3 viene inserito il comunicato stampa, le foto ufficiali e l’eventuale videoclip.

 


  • 0

VIDEOCLIP MUSICALE

VIDEOCLIP MUSICALE

Il videoclip musicale è un filmato di durata variabile, che può essere scenografo, eventualmente coreografo e prodotto, per promuovere la musica.

I videoclip illustrativi si limitano a riprendere la performance del cantante o del gruppo mentre cantano o suonano in una location realistica. Ad esempio in uno studio di registrazione o nel corso di un concerto.

I videoclip evocativi associano alla musica una scelta di immagini che richiamano il brano, senza uno sviluppo narrativo interno.

I videoclip fiction raccontano una vera e propria storia che riproduce o si ispira al brano. In questa tipologia a volte la visualizzazione del cantante è sacrificata e al brano si associa l’universo visivo dello spettatore.

 


  • 0

CONTRATTO DISCOGRAFICO

CONTRATTO DISCOGRAFICO

Con il termine contratto discografico ci si riferisce ad alcuni diversi tipi di accordi. Questi mirano a regolare il rapporto fra un musicista ed una casa discografica con particolare riferimento alla cessione di diritti relativi ad un fonogramma. Il contratto discografico si definisce in licenza quando l’arista ha già realizzato il master definitivo del fonogramma. A fronte di un corrispettivo economico, cade lo sfruttamento dei diritti economici ad un’etichetta discografica. Si definisce, invece, in casting quando l’etichetta sostiene tutti i costi di produzione del brano o dell’album (denominato fonogramma). La firma di un contratto di distribuzione, invece, assicura la conservazione di una grossa fetta dei propri compensi. Ma l’attività del contraente si limiterà alla distribuzione del cd o vinile o al caricamento del brano sui digital store.


yoast seo premium free
Open chat
Ciao, come posso aiutarti?