DIAGRAMMA POLARE

DIAGRAMMA POLARE

IL DIAGRAMMA POLARE  

Il diagramma polare di un microfono é lo spazio tridimensionale che circonda la capsula, e nel quale maggiore é la sensibilità al suono.
Esistono tre tipi: 

OMNIDIREZIONALE: il microfono riprende uniformemente da tutte le direzioni infatti ha un diagramma circolare. C'é da dire che si ha una caduta nella risposta in frequenza nei pressi del corpo del microfono, soprattutto sulle alte frequenze.
CARDIOIDE: é il tipo più diffuso questa figura presenta un'attenuazione di 6 dB ai lati. Il nome deriva dalla somiglianza grafica del cuore.
BIDIREZIONALE O FIGURA 8: questa figura permette che tutti e due i lati del diaframma siano attivi. Esso infatti capta il suono proveniente da davanti e da dietro isolando i lati, diventando nulla essendo perpendicolari all'asse ripresa.

Quando Utilizzare i Cardioidi

I cardioidi potrebbe sembrare adatti a qualsiasi situazione ma in realtà hanno anche essi i loro punti deboli.
I due PRINCIPALI sono:

  • Colorazione fuori asse – Con quasi tutti i microfoni cardioidi, si ha un decadimento nella sensibilità alle alte frequenze man mano che il suono va fuori asse. Questo potrebbe rivelarsi dannoso ad esempio con un cantante di poca esperienza che inconsciamente effettua dei movimenti con la propria testa.
  •  Effetto di prossimitá - fenomeno esclusivo dei microfoni cardioidi… l’effetto di prossimità è una sorta di ”boost” sulle basse frequenze dovuto alla vicinanza al microfono. Lo stesso cantante “di poca esperienza” dell’esempio precedente, potrebbe avere dei problemi nell’utilizzo dovuti proprio a questo effetto.

    Quando Utilizzare gli Omnidirezionali

    Ecco alcune situazioni comuni nelle quali sono preferibili:

    • Quando si registra il suono della stanza – ad esempio con dei microfoni ambientali per la batteria.
    • Quando si registra una sorgente sonora “estesa” – come un’orchestra, un coro, o un pianoforte a coda.
    • Quando si registra qualcosa che si muove –  come ad esempio un chitarrista acustico che non sta seduto.
    • Quando si registra in stereo – come con la tecnica A/B.

      Quando Utilizzare la Figure-8

      In realtà è molto più comune utilizzare microfoni figure-8 per una delle 3 seguenti ragioni:

      1. per lo stereo recording 
      2. si tratta di microfoni a nastro 
      3. per il massimo isolamento dai suoni fuori asse

       


FILTRO ANTI-POP

FILTRO ANTI-POP

Filtro anti-pop: uno strumento semplice, che svolge un lavoro altrettanto semplice.

FUNZIONI

Il filtro anti-pop permette di bloccare le consonanti "esplosive" ed i suoni scoppiettanti

MATERIALI

Gli strati di protezione sono in acciaio inox o in nylon e gli interni in schiuma


ASTA PER MICROFONO

ASTA PER MICROFONO

L'asta per microfono è un supporto free-standing che sostiene un microfono senza bisogno di una persona che lo tenga in mano. Ci sono 6 tipologie di asta per microfono ed ognuna di esse ha una funzione.

  • ASTA  CON TRE PIEDI
  • ASTA A GIRAFFA
  • ASTA A BASE TONDA 
  • ASTA NANA
  • ASTA DA TAVOLO
  • ASTA OVERHEAD

ASTA CON TRE PIEDI

Sono le più comuni, progettate per un utilizzo generico.

ASTA A GIRAFFA

Offrono una copertura dello spazio maggiore

ASTA A BASE TONDA

Ideale per i cantanti sul palco, in quanto occupano meno spazio e si corrono quindi meno rischi di inciamparci sopra

ASTA NANA

Vengono utilizzate solitamente per la grancassa o per gli ampli di chitarra

ASTA DA TAVOLO

Simile alle nane, sono pensate per un utilizzo diretto al podcasting e a riprese casalinghe

ASTA OVERHEAD

Sono le aste più grandi e costose, vengono utilizzate quando sono necessarie altezze e angoli importanti, come ad esempio nelle riprese della batteria.

 


MICROFONO

IL MICROFONO

Un microfono è un trasduttore che trasforma l'energia sonora in energia elettrica. In pratica, traduce le variazioni di pressione dell'aria in variazioni di tensione elettrica. In pratica svolge il lavoro opposto di un altoparlante.

MICROFONO DINAMICO

I microfoni dinamici sono piuttosto resistenti, non soffrono particolarmente l'umidità e resistono facilmente a forti pressioni sonore. Inoltre non hanno bisogno di alimentazione esterna e sono piuttosto economici.

MICROFONO CONDENSATORE

I microfoni a condensatori, sono i tipici "microfoni da studio". Sono microfoni più sensibili, quindi riusciranno a "sentire" meglio sia in termini di dinamica, sia in termini di frequenza. I microfoni a condensatore hanno una risposta in frequenza che riesce spesso a coprire tutta la gamma percepita dal nostro udito.

MICROFONO A NASTRO

I microfoni a nastro sono solitamente molto più delicati dei microfoni dinamici. Il nastro interno ha uno spessore di soli pochi micron e può essere danneggiato facilmente, anche solo soffiando sul microfono. Sono microfoni apprezzati per il loro suono "caldo" e per la loro buona risposta alle basse frequenze.


Open chat
Ciao, come posso aiutarti?
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: