IL CORNO

IL CORNO

IL CORNO

Il corno é uno strumento musicale aerofono, chiamato anche corno francese. Il timbro é versatile; può essere soffice e profondo, pieno, scuro e pastoso, ma anche squillante e maestoso. I musicisti che suonano lo sono chiamati cornisti.

LA STRUTTURA
Sembra uno strumento di piccole dimensioni poiché il inneggio, che raggiunge in relazione quasi quattro metri di lunghezza, é più volte arrotolato su se stesso.

UTILIZZO

In orchestra viene utilizzato come strumento sia melodico che armonico. I compositori lo hanno trattato sia come uno strumento appartenente al gruppo dei legni, sia a quello degli ottoni grazie alle sue molteplici qualità timbriche e sonore.

La posizione classica del suonatore prevede la mano sinistra impegnata a destreggiarsi con i tasti, mentre la destra sorregge lo strumento. In realtà é proprio la mano destra che conferisce al corno francese il suo inconfondibile suono ovattato: cambiando la posizione all'interno della campana si può scurire il suono ottenendo l'effetto stoppato della sordina e correggere l'intonazione.

STORIA

Il corno viene in origine ricavato (come dice il nome stesso) da corani animali, di cui conservava quindi la forma ricurva. In Europa, nel Medioevo e nel Rinascimento, fu usato per i richiami di caccia. La sua trasformazione in strumento d'orchestra fu lenta e difficile e si compí verso la metà del Seicento. Il corno ha conosciuto il su momento d'oro soprattutto nell'orchestra dell'età romantica.

Strumento dal suono affascinante, il corno ha una limitata letteratura solistica. Tra gli autori più importanti possiamo ricordare F.J. Haydn, W.A. Mozart, R. Schumann (1810-1856), che scrisse un concerto per quattro corni e orchestra, R. Strauss (1864-1949)


Rispondi

Open chat
Ciao, come posso aiutarti?
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: